Dominio sito web cos'è, dove si compra e quanto costa

Che cos’è il dominio sito web, come sceglierlo, quanto costa

Per pubblicare su internet il tuo sito hai bisogno principalmente di due cose: dominio del sito web e relativo spazio. Riguardo quest’ultimo puoi scegliere il piano hosting che preferisci e cambiarlo se non sei soddisfatto, diverso è il discorso per il dominio sito web: non dovrebbe cambiare mai. Vediamo quindi di cos’è un dominio, come comprarlo e quanto può costare.

Cos'è il dominio di un sito web

Il dominio di un sito web è fondamentalmente l’indirizzo del tuo sito su Internet ed è ciò che gli utenti digitano nella barra degli indirizzi del loro browser per visitare il tuo sito.

Ad esempio, il dominio del nostro sito è “www.paoloalbizzatiweb.it”, è un indirizzo unico (non possono esistere due domini uguali) e serve a identificare questo sito su Internet.

Un dominio è composto da due parti principali: il nome del sito e l’estensione. Nel caso di “www.paoloalbizzatiweb.it”, “paoloalbizzatiweb” è il nome del sito e “.it” è l’estensione. Esistono diverse estensioni disponibili, come .com, .it, .org, .net, .gov, .edu, e altre, ognuna delle quali ha un significato specifico. Di loro ne parliamo dopo.

Come dicevo, acquistare un dominio è il primo passo per avere un sito web, dopo averlo registrato bisogna collegarlo a un server web che ospita i file del tuo sito. Questa operazione fornisce lo spazio web ed è l’acquisto (o meglio, la sottoscrizione) di un piano hosting.

Concludendo, il nome del dominio del sito web che scegli è fondamentale per la tua presenza online, fai quindi attenzione a cosa decidi di usare.

Com'è composto un indirizzo di dominio internet

Lo vedi nell’immagine. L’indirizzo di un sito web è suddiviso in tre parti:

  1. Prefisso (www).
  2. Nome (miositoweb).
  3. Estensione (tld).
Com'è composto un url di dominio sito web

Vediamo cosa sono, e l’importanza che hanno nella scelta dell’indirizzo web per il tuo sito.

Differenza tra dominio del sito con il 'www' e senza il 'www'

Come ti sarai accorto navigando internet, da qualche anno si trovano domini che indifferentemente usano o meno il prefisso “www” nella URL. Ma che differenza c’è tra le due forme? E perché alcuni domini riportano un tipo e altri l’altro tipo? Vediamo alcune cose.

La differenza principale riguardo la presenza del prefisso “www” è storica, in quanto in passato il “www” era obbligatorio per arrivare ad un sito web. Oggi non è più così e la quasi totalità dei siti sono raggiungibili anche senza digitare il “www”.

Ebbene, dal punto di vista funzionale non c’è alcuna differenza tra un dominio con “www” (ad esempio, “www.paoloalbizzatiweb.it) e uno senza “www” (“paoloalbizzatiweb.it”), entrambi porteranno a questo sito.

Tecnicamente parlando, il prefisso “www” prima di un dominio identifica un sottodominio, ad esempio in “www.paoloalbizzatiweb.it”, “www” è un sottodominio del dominio principale “paoloalbizzatiweb.it”. 

Tuttavia, se i motori di ricerca non vengono informati su cosa si è deciso di utilizzare verranno considerati due distinti siti web e questo può creare problemi per l’ottimizzazione SEO. Per non incorrere in duplicazioni dei contenuti si usa perciò reindirizzare il dominio con prefisso “www” a non “www” o viceversa, in modo da non privilegiare un dominio rispetto l’altro e informare i motori di ricerca che si tratta dello stesso sito.

In sostanza, la scelta tra un dominio con “www” o senza dipende più che altro dal gusto personale e da alcune esigenze tecniche, tra l’altro non fondamentali per la maggior parte dei siti web.

Quali tipi di dominio esistono

I domini web possono essere classificati in base a diversi criteri, uno dei più importanti è la tipologia di estensione (il TLD), vediamo quali sono.

Estensioni generiche (gTLD)

Le estensioni generiche (gTLD) sono quelle più comuni e sono disponibili a chiunque voglia registrarle, ecco alcune delle più popolari:

  • .com: per scopi commerciali
  • .org: per organizzazioni non-profit
  • .net: per reti
  • .edu: per istituzioni educative
  • .gov: per enti governativi

Estensioni sponsorizzate (sTLD)

Le estensioni sponsorizzate (sTLD) sono gestite da organizzazioni specifiche che hanno ottenuto una licenza da parte dell’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers). Tra quelle più usate abbiamo:

  • .aero: per l’industria aeronautica
  • .biz: per le aziende
  • .info: per siti web informativi
  • .mobi: per siti web mobili
  • .name: per siti web personali

Estensioni country code (ccTLD)

Esistono poi le estensioni assegnate a un paese o territorio specifico chiamate estensioni country code (ccTLD), ad esempio:

  • .it: per l’Italia
  • .us: per gli Stati Uniti
  • .uk: per il Regno Unito
  • .de: per la Germania
  • .fr: per la Francia

Estensioni alternative

Infine, oltre alle estensioni generiche, sponsorizzate e country code, esistono ulteriori estensioni alternative:

  • .io: per l’Oceano Indiano
  • .me: per il Montenegro
  • .tk: per Tokelau
  • .fm: per le Isole Marshall
  • .ws: per Samoa

La scelta dell’estensione di dominio è quindi importante, perché può influenzare la percezione del sito web da parte degli utenti e la sua visibilità sui motori di ricerca. È consigliabile scegliere un’estensione che sia pertinente al contenuto del sito web e facile da ricordare e digitare.

Realizzazione siti web professionali

Realizza un sito professionale per la tua attività o azienda,

chiedi adesso un preventivo gratuito!

Altri tipi di classificazione per i domini dei siti web

Oltre al tipo di estensione, i domini web possono essere classificati con altri criteri, eccoli:

Livello

I domini web sono organizzati in una gerarchia a tre livelli. Il livello più alto è il dominio di primo livello (TLD), seguito dal dominio di secondo livello (SLD) e dal dominio di terzo livello (TLD). I domini di primo livello sono il livello più alto e sono i più generici. Quelli di secondo livello sono più specifici e legati al nome dell’organizzazione o del sito web. Infine i domini di terzo livello: sono ancora più specifici e possono essere utilizzati per identificare aree o funzioni specifiche di un sito web.

Lunghezza

La lunghezza di un dominio web è limitata a 63 caratteri. I domini più corti sono più facili da ricordare e da digitare, ma possono anche essere più generici. I domini più lunghi possono essere più specifici, ma possono anche essere più difficili da ricordare e da digitare.

Caratteri consentiti

I domini web possono contenere solo caratteri alfanumerici, più il trattino (-). I caratteri speciali non sono consentiti, in quanto potrebbero causare problemi con i browser e con i motori di ricerca.

Disponibilità

I domini web sono disponibili fino a quando non vengono registrati da qualcuno. Se si desidera registrare un dominio web è necessario verificarne la disponibilità prima di procedere.

Costo

Il costo di registrazione di un dominio web varia a seconda del registrar e della tipologia di estensione. In generale le estensioni generiche sono più costose delle estensioni country code.

Per concludere, la scelta del livello, della lunghezza, dei caratteri consentiti e della disponibilità di un dominio web dipende dalle esigenze specifiche del sito web e sono fattori importanti da considerare quando si sceglie di registrare un dominio.

Qual è il miglior dominio internet e come sceglierlo

É una domanda che sicuramente ti sei fatto e la risposta è molto semplice: il miglior dominio sito web in assoluto non esiste.

Come in altri casi si tratta di situazioni soggettive, la scelta del “miglior” dominio internet dipende molto da esigenze specifiche, dal pubblico di destinazione e dagli obiettivi del sito web. Ci sono però alcuni fattori da considerare:

  1. Facilità di memorizzazione
    • Un buon dominio dovrebbe essere facile da ricordare. I nomi brevi, semplici e diretti sono spesso i migliori.
  2. Rilevanza
    • Ne ho già parlato, il tuo dominio dovrebbe essere rilevante per il contenuto del tuo sito web. Se possibile, dovrebbe includere parole chiave che le persone potrebbero utilizzare per cercare il tuo sito.
  3. Estensione del dominio
    • Le estensioni di dominio .com sono le più popolari e le più riconoscibili, ma potrebbe non essere sempre disponibile o rilevante per il tuo sito. Altre estensioni come .org, .net, .edu, o estensioni specifiche del paese (.it per l’Italia, ad esempio) potrebbero essere più appropriate.

Consigli per scegliere il miglior dominio internet

  • Fai una ricerca: prima di scegliere un dominio web fai una ricerca per vedere se è disponibile oppure se è già registrato da qualcun altro.
  • Pensa al tuo pubblico: pensa al pubblico ideale che visiterà il tuo sito e a cosa potrebbe trovare facile da ricordare e da digitare.
  • Considera la SEO: se vuoi migliorare la SEO del sito scegli un dominio web che sia pertinente ai tuoi contenuti.
  • Evita confusioni: non scegliere nomi di dominio che possono essere simili ad altri
  • Attenzione ai caratteri: non usare caratteri strani e un nome che può portare a errori di battitura.

Prenditi insomma il tempo che serve per scegliere il nome del dominio giusto, una volta registrato resterà quello per sempre.

Come si fa a comprare un dominio internet

Bene, ora che hai scelto il nome di dominio del tuo sito web è il momento di passare all’azione: devi comprarlo. Qui hai davvero l’imbarazzo della scelta, puoi infatti acquistare un dominio internet da una varietà di fornitori di servizi di registrazione di domini. Sono noti come registrar di domini e sono aziende accreditate autorizzate a vendere domini internet.

Dove si compra un dominio web

Per scegliere dove acquistare il tuo dominio sito web è sufficiente fare una ricerca nei motori di ricerca. Ad ogni modo, e per accelerare il tuo lavoro, pubblico un elenco in ordine sparso di alcuni dei più popolari registrar.

  • GoDaddy: È uno dei più grandi registrar di domini al mondo. Offre una varietà di servizi oltre alla registrazione di domini, tra cui hosting web, e-mail professionali e altro ancora.
  • Namecheap: Come suggerisce il nome, Namecheap offre domini a prezzi competitivi. È noto per il suo eccellente servizio clienti e offre anche una varietà di altri servizi.
  • Bluehost: Bluehost è particolarmente popolare tra gli utenti di WordPress ed è uno dei pochi fornitori di hosting raccomandati da WordPress.org. Offre la registrazione gratuita del dominio per il primo anno se acquisti un pacchetto di hosting.
  • HostGator: Oltre alla registrazione di domini, HostGator offre una vasta gamma di servizi di hosting.
  • Register.it: È un registrar di domini italiano molto popolare. Offre una varietà di servizi tra cui registrazione di domini, hosting web, e-mail, e altro.
  • Aruba: È uno dei più grandi fornitori di servizi di hosting e registrazione di domini in Italia. Anche loro offrono molti servizi tra cui hosting web, e-mail, server dedicati e molto altro.
  • OVH: Anche se non è un’azienda italiana, OVH ha una forte presenza in Italia e offre una vasta gamma di servizi oltre alla registrazione di domini.
  • Fastcomet: Anche lei non è un’azienda italiana ma è molto popolare nel nostro Paese. Offre una varietà di servizi tra cui registrazione domini, hosting web, e-mail, etc.

Consigli per scegliere il registrar di domini web

  • Considera il costo: i costi di registrazione dei domini variano a seconda del registrar e della tipologia di estensione.
  • Verifica le funzionalità: alcuni registrar offrono funzionalità aggiuntive, come la protezione del dominio o il trasferimento del dominio.
  • Leggi le recensioni: leggi le recensioni di altri utenti per vedere cosa pensano del registrar.

Inoltre, quando acquisti un dominio assicurati di leggere i termini del servizio e di capire cosa è incluso nel prezzo. Alcuni registrar potrebbero offrire prezzi bassi per il primo anno ma rinnovare il dominio a un prezzo molto più alto.

Restyling e rifacimento siti web

Se il tuo sito web è sorpassato dalla concorrenza o non funziona più,

chiedi un intervento di restyling!

Che differenza c'è tra dominio e hosting

Come detto, una volta che hai acquistato il dominio internet, per pubblicare online il tuo sito web devi associarlo a un servizio di hosting. Questo viene fornito da aziende che offrono lo spazio web di cui parlavo prima insieme ad altri servizi per la gestione del sito.

L’acquisto di un dominio non comprende infatti l’acquisizione automatica di uno spazio web e la differenza tra i due è ben definita.

Brevemente, la differenza principale tra dominio web e un hosting web è che il dominio identifica il sito mentre l’hosting (o piano hosting) fornisce lo spazio su cui il sito viene ospitato.

In altre parole, il dominio è come l’indirizzo di casa di una persona, mentre l’hosting è la casa stessa comprensiva di spazio web e servizi di gestione.

NOTA: In questo articolo non parlo di hosting e di come scegliere il miglior piano, a questo argomento ho dedicato un articolo completo che se vuoi puoi leggere a parte.

SUGGERIMENTO DI LETTURA

Per sapere come scegliere il miglior hosting per il tuo sito web clicca il link e leggi l’articolo.

Come collegare un sito web al dominio internet

Collegare un dominio a un sito web è un processo che coinvolge la configurazione delle impostazioni DNS (Domain Name System) del tuo dominio. Ecco una procedura come farlo:

  1. Configura le impostazioni DNS del tuo dominio: accedi al pannello di controllo del tuo dominio e cerca le impostazioni DNS o le impostazioni del nameserver. Qui dovrai inserire i dettagli del server forniti dal tuo host. Questo potrebbe includere l’aggiunta di un record A che punta al tuo indirizzo IP del server, o la modifica dei nameserver per puntare ai nameserver del tuo host.
  2. Attendi la propagazione DNS: dopo aver aggiornato le impostazioni DNS potrebbe essere necessario attendere fino a 24-48 ore perché le modifiche si propaghino su Internet (si tratta della propagazione DNS).
  3. Collega il tuo sito web al tuo dominio: una volta completata la propagazione DNS, il tuo dominio dovrebbe ora puntare al tuo sito web, verificalo digitando il tuo dominio nella barra degli indirizzi del tuo browser.

Configurazione dei DNS del dominio

Per configurare i record DNS, è necessario accedere al pannello di controllo del registrar di domini o del servizio di hosting web. In genere, è possibile trovare le istruzioni per configurare i record DNS nella documentazione del registrar o del servizio di hosting.

Ecco i passaggi generali per configurare i record DNS per collegare un sito web a un dominio internet:

  1. Accedi al pannello di controllo del registrar di domini o del servizio di hosting web.
  2. Individua la sezione per la gestione dei record DNS.
  3. Crea un record A per il dominio. Il valore del record A deve essere l’indirizzo IP del server web che ospita il sito web.
  4. Crea un record CNAME per il dominio. Il valore del record CNAME deve essere il nome del sottodominio che si desidera utilizzare per il sito web.

Ad esempio, se il dominio è “www.example.com” e il sito web è ospitato sul server web con indirizzo IP 192.168.1.100, i record DNS dovrebbero essere configurati come segue:

Tipo di recordNomeValore
Awww192.168.1.100
CNAMEwwwexample.com

NOTA: I record DNS devono essere configurati correttamente per entrambi i nomi di dominio che si desidera utilizzare per il sito web.

Ricorda, le istruzioni specifiche su come collegare il tuo dominio al tuo sito web possono variare a seconda del tuo registrar di domini e del tuo fornitore di hosting, pertanto è sempre una buona idea consultare le loro documentazioni ufficiali ed eventualmente contattare l’assistenza tecnica.

Quanto costa la registrazione di un dominio

Rispondere con esattezza a questa domanda non è possibile in quanto il costo per la registrazione di un dominio web può variare notevolmente a seconda dell’estensione del dominio (.com, .it, .org, ecc.) e del registrar di domini che scegli. In generale, un dominio può costare una decina di euro all’anno. Tuttavia, ci sono alcune estensioni di dominio che possono costare anche 100€ all’anno.

Ad esempio, c’è chi offre la registrazione di un dominio a partire da 0,99€ + IVA per il primo anno con un costo di rinnovo di 10,99€ + IVA. Altri registrar menzionano costi per un dominio che possono partire da circa 100,00€ al mese, con un costo una tantum a partire da circa 1.000€. Chiaramente si tratta di TLD non comuni e particolari.

In generale, le estensioni generiche (gTLD) sono più costose delle estensioni country code (ccTLD). Ad esempio, il costo di registrazione di un dominio .com si aggira sui 10-20 euro all’anno, mentre il costo di registrazione di un dominio .it è di circa 5-10 euro all’anno.

Esempio di costo di dominio sito web

EstensioneCosto
.com10-20 euro/anno
.it5-10 euro/anno
.net10-20 euro/anno
.org10-20 euro/anno
.eu10-20 euro/anno

Ti consiglio di confrontare i prezzi tra i diversi registrar di domini che ho elencato prima e poi prendere una decisione, alcuni registrar offrono infatti degli sconti per il rinnovo del dominio. Ad esempio, è possibile avere uno sconto del 50% sul rinnovo del dominio se si rinnova per un periodo di tre anni.

Cosa significa avere un dominio web di proprietà e perché è importante

Conclusioni

Se devi realizzare un sito web professionale per la tua azienda o attività di libero professionista, avere un dominio web di proprietà di primo livello è fondamentale. Nonostante il grande numero di proposte di domini web gratuiti associati ad un hosting, chi crea un sito web per promuoversi online o per vendere non può pensare di usufruirne.

Vantaggi di un dominio sito web di primo livello

Ci sono una serie di vantaggi nell’acquisto di un dominio per il sito web, ecco i più importanti:

  1. Identità online
    Un dominio web fornisce un’identità unica per la tua presenza online. È come l’indirizzo della tua casa digitale su Internet.

  2. Credibilità e professionalità
    Avere un dominio personalizzato, specialmente se corrisponde al nome della tua azienda o del tuo marchio, aumenta la tua credibilità e professionalità agli occhi dei visitatori o dei clienti.

  3. SEO (Search Engine Optimization)
    Un buon nome di dominio che include parole chiave pertinenti può aiutare a migliorare la classificazione del tuo sito web nei risultati dei motori di ricerca, rendendo più facile per le persone trovare il tuo sito.

  4. Branding
    Un dominio può contribuire a rafforzare il tuo marchio. Se il nome del tuo dominio corrisponde al nome del tuo marchio, le persone lo ricorderanno più facilmente.

  5. Controllo
    Avere il tuo dominio ti dà più controllo sulla tua presenza online. Puoi decidere il contenuto del tuo sito web, il design, le funzionalità, etc.

  6. Email personalizzate
    Con un dominio personalizzato, puoi avere indirizzi email personalizzati (ad esempio, nome@tuodominio.com), che sono decisamente più professionali rispetto agli indirizzi email generici offerti da servizi di posta elettronica gratuiti (ad esempio Gmail, Libero, Yahoo, etc).

Ricordati che un acquistare un dominio web significa fare un investimento per la tua presenza online ed è importante per l’immagine della tua attività.

Chiedi informazioni, una consulenza o un preventivo

La nostra agenzia web è specializzata nella realizzazione di siti web professionali e nel restyling, in attività di ottimizzazione SEO e di web marketing.

Se hai bisogno di un intervento, vuoi realizzare un nuovo sito web o promuovere la tua attività, contattaci. Se invece preferisci ricevere un preventivo gratuito e personalizzato compila il nostro modulo online.

Condividi se ti piace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.